Opus1

  • facebook
  • twitter
  • googleplus

Corsi

Chitarra

Il corso di chitarra a Jesi, diretto da Stefano Coppari viene svolto attraverso lezioni individuali, il programma di studi può variare da allievo ad allievo, a seconda delle esigenze e delle diverse attitudini o competenze. Principalmente il percorso didattico viene suddiviso in due categorie: La Chitarra Moderna e la Chitarra Jazz.

Chitarra Moderna

In genere gli stili e le tecniche affrontate sono quelle inerenti lo sviluppo e la padronanza dei linguaggi Rock, Blues, Funky, Pop e altro.

Dopo il lavoro iniziale sull’impostazione corretta della mano destra e sinistra e sulla conoscenza delle parti della chitarra infatti si procederà verso lo studio della tecnica, approfondendo il senso del ritmo, le varie tecniche di plettrata, le scale e le relative diteggiature, le triadi e le quadriadi con i relativi rivolti e drop, senza tralasciare lo sviluppo di una buona capacità di lettura della musica e una serie di nozioni di teoria musicale e di storia della musica, che permetteranno all’allievo di acquisire una cognizione ed una visione della musica il più ampia possibile e non viziata dallo strumento.

I metodi di riferimento sono quelli usati nelle principali scuole americane, solo per citare i più conosciuti ed apprezzati: W. Leavitt “Basic Guitar”; W. Leavitt “A modern method for guitar 1-2-3”; W. Leavitt “Studi melodico/ritmici per chitarra”; J. Bergonzi “inside improvisation”; H. Crook “How To Improvise”; J. Sagreras “Le Prime Lezioni Di Chitarra” ecc…

Ma fedeli al concetto che a suonare si impara innanzi tutto suonando…la maggior parte della lezione sarà pratica e di confronto attivo con lo strumento e con il docente.

 

Chitarra Jazz

Il corso di chitarra jazz ha come obiettivo quello di avvicinare il musicista al linguaggio jazz in modo chiaro e progressivo, affrontando gradualmente tutti gli argomenti e le tecniche necessarie per uno sviluppo completo e sereno.

La lezione viene suddivisa in due parti: una parte teorica in cui vengono affrontate le regole e i “segreti” che questo linguaggio nasconde e una seconda parte pratica in cui si suona insieme all’insegnante, sviluppando così oltre alle nozioni acquisite, anche il senso del ritmo e la capacità di ascoltare se stessi e gli altri.

Tecnicamente, una volta impostata correttamente la mano destra e sinistra, introdotti gli aspetti del ritmo e delle geometrie della tastiera, si affronterà l’armonizzazione della scala maggiore, lo studio delle principali cadenze, la conoscenza e la padronanza delle triadi, gli studi ritmici, lo studio dei principali voicings, l’armonia modale, lo sviluppo di una buona lettura, il concetto di modulazione armonica, il comping, le varie scale maggiori e minori, il concetto di sostituzione armonica, senza tralasciare mai la parte creativa e ludica della musica.

Sia per il corso di chitarra moderna che per il corso di chitarra jazz, la tipologia di allievo varia dal principiante al professionista, a partire dai 6 anni in sù. La frequenza delle lezioni può essere settimanale o quindicinale e la durata può variare dai 45 ai 60 minuti. Il calendario delle lezioni viene stabilito dall’insegnante ad inizio anno scolastico insieme all’allievo, cercando di venire incontro il più possibile alle esigenze di quest’ ultimo. Raggiunte determinate competenze sarà gradita la partecipazione dell’ allievo al saggio conclusivo che si terrà in giugno insieme agli altri allievi Opus 1, esperienza questa estremamente formativa dal punto di vista umano e musicale.